martedì 28 ottobre 2014

iOS 8.1 maledetta la volta che ho aggiornato ipad 3

Sono sempre molto restio ad aggiornare il firmware dei miei dispositivi Apple. Non sono di certo uno che si affretta ad aggiornare all'ultima versione. Preferisco che siano gli altri a sperimentare tutti i bug tipici delle nuove release. Ma poi giunge il giorno che decido di fare il grande passo. Così passo da iOS 7.1.2 a iOS 8.1. Devo dire che sull'iphone 5s non ho trovato particolari problemi. Su iPad 3 invece è stato un disastro. Le cose si mettono male da subito: dopo l'ultimo riavvio a seguito dell'aggiornamento, quando scompare la mela, lo schermo mi rimane nero per almeno un minuto. Ne frattempo tutti i tasti non rispondono. È normale? Poi tutto d'un tratto inizia a lampeggiare tutto quasi a cercare di reagire a tutti i comandi dati in una sola volta: così mi chiede se voglio spegnere, mi fa uno Screenshot ecc... Penso che questo sia dovuto al primo avvio, magari aveva ancora qualche cosa da fare... Invece no! È così ogni volta che riavvio.
Altro discorso è il multitouch che smette di funzionare. Come mai? Controllo le impostazioni e vedo che è verde. Provo allora a disattivarlo e riattivarlo, e così riprende a funzionare, ma non se sono nell'app Mail! Qui se vuoi uscire usando il multitouch puoi usare anche le dita dei piedi, ma non funziona. Bisogna pigiare per forza il tasto Home.
Ora una novità: dopo l'ultimo riavvio (lungo riavvio) alcune icone perdono la colorazione e rimangono in modalità progettazione come se stesse ancora installando l'app. Le icone sono quelle delle pagine web il cui link ho salvato sulla Home. Aprendole riprendono colorazione, ma al riavvio successivo la perdono di nuovo.
Beh complimenti Apple, adesso seguo il consiglio degli ingegneri Microsoft: formatto tutto e ripristino, sperando di risolvere tutti i problemi! Ma ho un iPad o un Surface? Ora controllo.

Aggiornamento:
Ho ripristinato il firmware dell'iPad (prima avevo fatto solo l'aggiornamento) e ricaricato il Backup perdendo 3 ore...
Tutto uguale a prima...
Mentre con iOS 7 il boot durava sui 40 secondi, ora con iOS 8.1 il boot dura 40 secondi con la mela, 1:10 minuti con schermo nero e 10 secondi prima che possa sbloccare l'iPad.
N.B. Ho notato che anche su iPhone 5S alla scomparsa della mela, lo schermo diventa nero per alcuni secondi, ma sono davvero pochi confronto all'ipad...
Nessuno ha questo comportamento?

Presto posterò il video...
Ancora complimenti!

Aggiornamento 2:
Pensavo di aver fatto un'operazione sbagliata io, invece quando anche mio padre si è ritrovato senza alcun libro su iBook, ho capito che si trattava di un'altro bug.
Praticamente un giorno volendo accedere alla mia libreria scopro che è deserta, completamente vuota!
Come ho detto, sulle prime ho pensato di aver deselezionato la sincronizzazione dei libri la sera prima, invece da iTunes era tutto come sempre. Solo che non avevo più alcun libro.
Mio padre, che non collega mai l'iPad a iTunes, pochi giorni dopo ha lamentato lo stesso sintomo.
Ho provato a fare ricerche sul web; ma è possibile che io sia l'unico a scrivere di questi mostruosi bug di iOS 8.1? In giro leggo solo di blog e siti drogati dalla mela che non fanno altro che tessere le lodi di un sistema operativo che confrontato con iOS 7.1.2 è nettamente più instabile, lento e inaffidabile.

Aggiornamento 3:
Avevo scritto che su iPhone 5s non avevo notato tutti i bug riscontrati su iPad, Invece devo ricredermi. Mi capita ormai spesso che di punto in bianco, durante una chiamata, compaia la mela! Un riavvio? Non proprio. Dopo qualche secondo di panico, l'iPhone riprende a funzionare e anche la chiamata continua (sempre che l'interlocutore non si sia stufato nel non sentir risposta ed abbia riattaccato).

Aggiornamento 4:
La batteria dell'iPhone 5s dura un solo 2/3 del tempo che mi durava prima (con LTE disabilitato). Partendo al 100% al mattino alle 8, alle 16 sono al 15%.

mercoledì 10 settembre 2014

Presentati i due nuovi iPhone 6 ed iPhone 6 Plus




Apple ieri sera ha finalmente presentato l’iPhone 6 e l’iPhone 6 Plus. Si tratta di due modelli, proprio come anticipato e visto nei rumors di questi mesi. Il design era già stato svelato in anticipo, ma in questo articolo andiamo a vedere il telefono nei dettegli, relativamente al piano estetico e poi a quello hardware.


La particolarità di questi nuovi iPhone consiste in uno schermo più grande. Il primo modello ha un display da 4,7 pollici ed il secondo da 5,5 pollici, contrariamente alle generazioni precedenti che vedevano uno schermo da 4 pollici.

iPhone 6 non è soltanto più grande, recita Apple: è ancora migliore, da ogni punto di vista. Più largo, ma decisamente più sottile. Più potente, ma anche più efficiente nei consumi. Un’avvolgente superficie in metallo che diventa tutt’uno con il nuovo display Retina HD. Un design in cui hardware e software si completano e si integrano alla perfezione, dando vita a una nuova generazione di iPhone: “letteralmente la più grande mai creato”.
Design

Per creare iPhone 6 è stato passato al vaglio ogni singolo elemento, ogni singolo materiale: è così che si è arrivati arrivati ad una forma tanto liscia e levigata. Un profilo ancora più sottile, dovuto al fatto che il display è ancora più sottile. Una posizione dei tasti intuitiva, un insieme di alluminio anodizzato, acciaio inossidabile e vetro. Mille piccoli dettagli che uniti creano qualcosa di più grande. Anzi, due cose più grandi: iPhone 6 e iPhone 6 Plus.



L’aggettivo per definire il design dell’iPhone 6 è “avvolgente”. Il telefono infatti è levigato e ben bilanciato, il vetro si incurva dolcemente sui lati per diventare un tutt’uno con il guscio in alluminio anodizzato. Non ci sono spigoli o solchi, solo una superficie continua, una fusione perfetta tra vetro e metallo che si traduce in design più avvolgente che mai.




Apple non ha perso di vista il concetto di “essenziale” per relizzare l’iPhone 6: “Progettare un iPhone più grande senza renderlo più ingombrante è stata un’impresa. Abbiamo dovuto mettere in discussione il concetto stesso di “grande”, e snellire dove sembrava naturale aumentare. Abbiamo condensato tecnologie complesse, creato chip più piccoli e batterie più sottili, rendendo tutto ancora più potente. E abbiamo progettato il nostro display Multi‑Touch più evoluto e sottile di sempre.


Nonostante le dimensioni maggiori, tutto resta sempre a portata di dito. Creando insieme iOS 8 ed iPhone 6, Apple ha potuto armonizzare software e design in ogni dettaglio.


Sulla superficie liscia si potrà scorrere e sfogliare in modo ancora più fluido, ed utilizzare l’iPhone con una sola mano è ancora semplice. Sono state infatti create nuove funzioni come Accesso facilitato che permettono di interagire agilmente con il display più grande. Toccando per due volte il tato Home, l’intera schermata scenderà verso il nostro pollice, e anche spostarci in Safari o Mail è facile: basterà sfiorare da sinistra verso destra sul display per andare indietro, o da destra verso sinistra per andare avanti.

Per rendere l’iPhone ancora più comodo e facile da usare nella vita quotidiana, sono stati ridisegnati anche i tasti: quelli del volume sono più lunghi e perfettamente integrati nel guscio, ergonomici e immediati da trovare al tatto. E il tasto Standby/Riattiva è stato spostato di lato, così è più comodo da raggiungere.



Per creare un iPhone più grande ma molto leggero sono state reinventate le tecnologie di produzione dei display. Apple ha selezionato con attenzione i materiali ed ha progettato, prodotto e rifinito meticolosamente ogni dettaglio.
Display Retina HD

Per la prima volta, iPhone è disponibile con due nuove dimensioni: iPhone 6 ha un display Retina HD da 4,7″ e una risoluzione di 1334 x 750, e offre il 38% di area di visualizzazione in più rispetto all’iPhone 5s, mentre iPhone 6 Plus ha un display Retina HD ancora più grande, da 5,5″, e una risoluzione di 1920 x 1080 pixel, per un’area di visualizzazione dell’88% superiore e quasi tre volte i pixel dell’iPhone 5s.



I display Retina HD offrono tecnologie evolute, come un contrasto più elevato per neri più profondi, e pixel a doppio dominio per colori più accurati ad angoli di visualizzazione più ampi.



Com’è fatto il Display Retina HD:



Su iPhone 6 avremo la possibilità di scegliere tra due modalità di visualizzazione: Standard e Vista ingrandita, dove tutte le icone risultano più grandi, occupando lo stesso spazio dell’iPhone 5S.

Solo su iPhone 6 Plus, si potrà godere anche della visualizzazione in Landscape, per visualizzare i contenuti diversamente, dalla SpringBoard alle singole applicazioni, occupando al meglio lo spazio.

ads Synergy O2


Nessuna paura per le applicazioni App Store, che risulteranno tutte compatibili dal primo giorno, con le dimensioni maggiori del display dell’iPhone 6 e 6 Plus. Inoltre con Swift e Metal gli sviluppatori potranno creare applicazioni allo stato dell’arte.
Hardware

Il chip A8 di iPhone 6 si basa su una potente architettura a 64 bit di livello desktop di seconda generazione. E a renderlo ancora più efficiente ci pensa il coprocessore di movimento M8, che misura i dati della tua attività fisica attraverso sensori di grande precisione, come il nuovo barometro.



Il nuovo chip A8 è il più veloce che abbiamo mai realizzato. Le prestazioni della grafica e della CPU hanno una marcia in più rispetto a quelle del chip A7, per essere all’altezza del display più grande e di tutte le nuove funzioni. E il chip A8 sa anche ottimizzare le sue energie.



Il chip A8 è realizzato con un processo produttivo a 20 nanometri. È estremamente piccolo ed efficiente, con due miliardi di transistor che garantiscono prestazioni incredibili e consumano fino al 50% di energia in meno rispetto al chip A7.

A nuove grandi funzioni, nuova grande batteria. iPhone 6 è stato progettato per essere incredibilmente efficiente anche nei consumi. Vuol dire che puoi passare un’intera giornata a usare le app e le nuove funzioni, senza mai perdere la carica.



Metal è una nuova tecnologia che permette agli sviluppatori di creare giochi per iPhone intensi e coinvolgenti, sfruttando al meglio le incredibili prestazioni grafiche del chip A8 e di iOS 8. Grazie a Metal, la CPU e la GPU lavorano insieme per darti una grafica perfetta fin nei dettagli ed effetti visivi più elaborati.

Quando ci muoviamo, il coprocessore M8 misura costantemente i dati rilevati dall’accelerometro, dalla bussola, dal giroscopio e dal nuovo barometro. Così il chip A8 non si sovraccarica e i consumi si riducono. Il barometro rileva la pressione dell’aria per determinare l’altitudine a cui ti trovi. Così puoi sempre tenere d’occhio il dislivello del tuo percorso, che tu stia salendo le scale di casa o scalando una vetta alpina. E ora i sensori sono ancora più capaci e precisi: contano i passi, misurano la distanza e ti dicono perfino a che altitudine ti trovi.

Fotocamera e Videocamera

Ogni giorno nel mondo si scattano più foto con iPhone che con qualsiasi altra macchina fotografica. Perché? Perché con la fotocamera iSight fotografare è davvero facile. Oggi, ai pixel da 1,5 micron e al diaframma con apertura ƒ/2.2, la fotocamera più amata al mondo aggiunge tante nuove tecnologie che renderanno le foto ancora più belle.



La fotocamera iSight ha un nuovo sensore dotato di Focus Pixels per una messa a fuoco automatica più veloce, così è ancora più facile catturare all’istante i momenti più belli e divertenti. iPhone 6 Plus offre inoltre una tecnologia per la stabilizzazione ottica delle immagini, che compensa i movimenti involontari della fotocamera in condizioni di scarsa luminosità e funziona in sintonia con iOS 8 per ridurre le sfocature causate dal movimento del soggetto.



Il video ad alta definizione dell’iPhone è stato migliorato con frame rate più veloci, fino a 60 fps per il video a 1080p e fino a 240 fps per la moviola, così come per autofocus continuo, la stabilizzazione video di qualità cinematografica e video in time-lapse La videocamera FaceTime HD è ora in grado di catturare oltre l’80% di luce in più grazie a un nuovo sensore, a una maggiore apertura f/2,2 e alle nuove funzioni evolute, fra cui la modalità scatto in sequenza e il video HDR. Ideale per i Selfie.



E’ inoltre possibile scattare foto panoramiche ad alta risoluzione fino a 43MP. E con l’esposizione automatica dinamica, ogni immagine apparirà sempre sotto la sua luce migliore.


Connessioni

Con velocità di download superiori su rete 4G LTE fino a 150 Mbps, iPhone 6 e iPhone 6 Plus permettono di navigare, scaricare e riprodurre i contenuti in streaming più velocemente. I nuovi iPhone supportano inoltre chiamate vocali di alta qualità su rete LTE (VoLTE) oltre alle chiamate via Wi-Fi. Con questo servizio, verrà effettuato automaticamente lo switch dalla chiamata di rete alla chiamata WiFi non appena raggiungeremo una zona in cui siamo coperti dal WiFi, rendendo di fatto la chiamata gratuita. Grazie al supporto per fino a 20 bande wireless LTE, più di qualsiasi altro smartphone al mondo, con i nuovi modelli è ancora più facile sfruttare le reti ad alta velocità in tutto il mondo. Entrambi gli iPhone includono la tecnologia Wi-Fi 802.11ac con velocità fino a 433 Mbps (3 volte più veloce della precedente), oltre a Bluetooth 4.0.
Sicurezza e Pagamenti

Apple ha investito a lungo sulla sicurezza, sviluppando il Touch ID, sensore di riconoscimento delle impronte digitali che con iOS 8 potremo utilizzare anche all’interno di applicazioni oppure per la gestione dei pagamenti mobile. iPhone 6 e iPhone 6 Plus infatti, introducono per la prima volta l’Apple Pay, un modo facile per effettuare pagamenti sicuri per l’acquisto di beni e servizi in negozi o app con un semplice tocco. Gli utenti possono pagare in tutta sicurezza e praticità avvicinando il telefono al lettore contactless e tenendo il dito sul Touch ID, senza dover sbloccare l’iPhone o aprire un’app. Con Apple Pay, è anche possibile fare acquisti one-touch direttamente nelle app, senza inserire i dati di carta di credito o spedizione. Tutte le informazioni relative al pagamento rimangono confidenziali, codificate e archiviate al sicuro nel chip protetto, un chip integrato nei nuovi iPhone.


iOS 8

I nuovi iPhone sono forniti di serie con iOS 8, la release più importante di sempre dal lancio dell’App Store: il sistema operativo offre un’esperienza utente più semplice, reattiva e intuitiva, oltre a nuove funzioni come la tastieraQuickType, una nuova app Salute, e l’opzione di condivisione In Famiglia eiCloud Drive. Con oltre 4.000 nuove API, iOS 8 consente agli sviluppatori di personalizzare ancora di più l’esperienza utente con importanti funzioni di espansione e solidi framework come HealthKit e HomeKit. Inoltre, con iPhone 6 e iPhone 6 Plus è possibile accedere al rivoluzionario App Store, che offre più di 1,3 milioni di app per iPhone, iPad e iPod touch in 155 Paesi nel mondo.
Custodie

Le custodie in pelle disegnate da Apple saranno disponibili in nero, rosa cipria, castagno, blu notte e Product (RED) per €45 per iPhone 6 €49 per iPhone 6 Plus.



Le custodie in silicone in nero, azzurro, rosa, verde, bianco e (RED) avranno un prezzo suggerito di €35 per iPhone 6 e €39 per iPhone 6 Plus attraverso Apple Online Store, gli Apple retail Store, e alcuni Rivenditori Autorizzati Apple.


Prezzi e Disponibilità

iPhone 6 è disponibile in oro, argento o grigio siderale, e sarà disponibile in Italia al prezzo suggerito di €729 IVA e oneri di legge inclusi (€593,54 IVA e oneri di legge esclusi) per il modello 16GB, €839 IVA e oneri di legge inclusi (€682,50 IVA e oneri di legge esclusi) per il modello 64GB e, per la prima volta, un nuovo modello da 128GB a €949 IVA e oneri di legge inclusi (€772,67 IVA e oneri di legge esclusi).

iPhone 6 Plus è disponibile in oro, argento o grigio siderale, e sarà disponibile in Italia al prezzo suggerito di €839 IVA e oneri di legge inclusi (€683,70 IVA e oneri di legge esclusi) per il modello 16GB, €949 IVA e oneri di legge inclusi (€772,67 IVA e oneri di legge esclusi) per il modello 64GB e €1.059 IVA e oneri di legge inclusi (€862,83 IVA e oneri di legge esclusi) per il nuovo modello da 128GB. Entrambi i modelli saranno disponibili sull’ Apple Online Store, gli Apple retail Store, alcuni operatori e Rivenditori Autorizzati Apple.

iPhone 6 e iPhone 6 Plus saranno disponibili negli Stati Uniti, Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone, Porto Rico, Singapore e Regno Unito a partire da venerdì 19 Settembre e i clienti possono pre-ordinare entrambi i modelli a partire da venerdì 12 settembre. In Italia invece il lancio è previsto per il 26 Settembre.

iPhone 5s è stato scontato ed è disponibile in Italia ad un prezzo suggerito di €629 per il modello 16GB e €679 per il modello 32GB, mentre un modello iPhone 5c da 8GB sarà disponibile per €429.

iOS 8 sarà disponibile come aggiornamento software gratuito a partire da mercoledì 17 settembre.

http://youtu.be/FglqN1jd1tM

http://youtu.be/RS5mzvqWM-c

giovedì 21 agosto 2014

Nuovo iPhone a Settembre ma a che prezzo!?

Non c'è giorno che non escano voci o immagini dell'iPhone 6, anzi dei due iPhone 6 che Apple presenterà a breve. Considerando che anche la data sembra ormai scontata, il 9 settembre dovrebbe essere il giorno prescelto, l'inviolabilità della Apple è una peculiarità ormai non più di casa. Certo è possibile che le informazioni non siano in realtà veritiere, ma la storia insegna che quando ci sono troppe conferme alla fine ci si azzecca quasi sempre, come accaduto anche per lo scorso keynote autunnale della Mela.

La novità odierna sono le immagini diffuse su Twitter dal rivenditore Feld & Volk e poi riprese da Macrumors, che mostrano per la prima volta il nuovo smartphone assemblato. Dalle foto si notano subito i bordi arrotondati e, nelle immagini laterali, uno spessore leggermente minore rispetto all'iPhone 5S. Confermata la nuova forma dei tasti volume, più lunghi e vicini come nell'iPad e nell'iPod Touch, che seppur quasi dimenticato e poco venduto dinanzi ai fratelli più ricercati resta il fulcro centrale almeno nell'evoluzione del design firmato Jony Ive.

In attesa di vedere cose sarà il nuovo iPhone (la cui denominazione non è certa sia ancora numerica, poiché potrebbe copiare la svolta già attuata con l'iPad Air), arrivano pessime notizie sul prezzo. Secondo quanto dichiarato da Movilzona, sito hitech spagnolo, i nuovi melafonini partiranno da un prezzo base (taglio da 16GB) di 750 euro per il modello con display da 4,7'' e da 950 euro per quello con schermo da 5.5''. Se fosse vero, il direttore del sito ha confidato che la dritta arriva da una fonte interna dell'operatore iberico Telefonica, l'incremento sarebbe ancora maggiorato in Italia dove tra tasse, IVA e SIAE si rischia di schizzare, nell'ordine, a 780 e 980 euro come prezzo di partenza per il modello meno capiente.

Va detto altresì che la stragrande maggioranza degli utenti acquista ogni anno l'iPhone con la formula degli abbonamenti biennali collegati all'operatore e non sbloccato, ma se aumento sarà anche i ventiquattro mesi di rate saranno più pesanti. Altra notizia, sempre da confermare, riguarda invece il chiacchierato utilizzo del vetro zaffiro, impiegato finora per proteggere la fotocamera e il lettore per le impronte digitali dell'iPhone 5S. Stando al Wall Street Journal, Apple allargherà gli ambiti d'uso integrandolo nel display al posto del Gorilla Glass 3, ma solo per i modelli top di gamma. Non specificando cosa si intende con tale denominazione, le ipotesi sono due: modelli con più alto storage di memoria, quindi quelli da 64GB delle due versioni, oppure per tutti i modelli della versione phablet. Una scelta difficile da capire e spiegare agli utenti, specie la seconda. Ad ogni modo, ci aspettano altri venti giorni di rumors e chiacchiere per sapere quale sarà il volto, anzi i volti, dei futuri iPhone.

domenica 23 marzo 2014

iOS 7.1: batteria e Touch ID

Il passaggio dal firmware 7.0.x a 7.1 si è notato in tutti i sensi. La nuova release ha ridato vita agli iPhone più datati come il 4 e 4s che, come detto nel precedente post, avevano accumulato latenze esagerate nell'apertura delle app.
Ma la grande miglioria personalmente riscontrata è nell'affidabilità del Touch ID. Con le precedenti versioni ero arrivato al punto di disabilitarlo, sopraffatto dalla frustrazione. Praticamente il sensore, dopo alcune settimane di utilizzo, era come se risultasse ceco: non riusciva più a riconoscere le impronte, se non dopo sei-otto tentativi.
Col nuovo iOS 7.1 invece finalmente il riconoscimento funziona a meraviglia. Partendo da com'ero abituato, a volte rimango persin stupito quando appena sfiorando il sensore posto sul tasto Home, mi viene immediatamente sbloccato l'iPhone. Finalmente, a distanza ormai di 6 mesi dalla presentazione, la nuova e rivoluzionaria feature di iPhone 5s è utilizzabile!
Altro discorso è da fare per la batteria. Con l'istallazione di iOS 7.1, parto al mattino alle 7:30 col 100% e arrivo alle 16 col 10%!!! Prima per arrivare al 20% facevo notte!
Leggendo su vari blog ho dapprima provato a fare un giorno con la localizzazione disabilitata, senza eclatanti risultati. La vera differenza l'ho notata disabilitando il 4G! Per caso avevo notato che col 4G abilitato in presenza di copertura LTE, l'iPhone produceva un'interferenza, tipo ronzio, sulle casse del pc (non mi riferisco al classico rumore GSM) anche quando ufficialmente non ci sarebbe dovuta esser nessuna trasmissione. È come se ci fosse una continua trasmissione. Facendo una giornata col 4G spento, la durata della batteria è tornata ad esser quella di prima. Da notare che anche con iOS 7.0.x ho sempre avuto il 4G abilitato e la copertura in ufficio, ma la batteria non lamentava una scarica così repentina. C'è inoltre da aggiungere che in occasione dell'ultimo firmware, iTunes mi ha proposto un aggiornamento dei dati dell'operatore (TIM).
Avendo letto pareri contrastanti sulla durata della batteria con iOS 7.1 ed iPhone 5s, sono arrivato alla conclusione che chi ha una SIM TIM (dico Tim perchè è l'operatore che attualmente ha la più ampia copertura LTE sul territorio nazionale)  potrebbe sperimentare un repentino scarico della batteria dovuto ad una continua trasmissione dati, non meglio identificata. Sarei curioso di sentire il parere dei clienti degli altri gestori con SIM abilitata all'LTE, iPhone 5s ed iOS 7.1, che stazionino sotto tale copertura per almeno otto ore.
Ulteriore commento: rispetto ai ritardi introdotti dai firmware precedenti, ora il wifi si collega quasi istantaneamente allo sbocco dello schermo.

lunedì 6 gennaio 2014

ios7 tra bug lag ed obsolescenza programmata

Partiamo dal presupposto che da quando ho avuto dispositivi mobili Apple, non ho mai avuto fretta di aggiornare il firmware. L'esperienza insegna che la presenza di bug è direttamente proporzionale alla giovinezza del firmware.
Ma se dobbiamo parlare di ios7 la situazione diventa insostenibile. Ho un iphone 4 ed un ipad 3. Uno non l'ho aggiornato mentre l'altro si.
Leggendo le recensioni, la lentezza di ios7 su iphone 4 è insostenibile: fino a due volte più lento di ios6.
Su ipad invece i lag, i crash improvvisi, i re boot spontanei sono all'ordine del giorno.
Il problema è che magari un utente coscienzioso che valuta attentamente le proprie scelte, magari decide di non aggiornare il proprio dispositivo, almeno per il momento. Apple però non è d'accordo. Ti scarica arbitrariamente il firmware sul dispositivo occupandoti spazio fin quando esausto non decidi di aggiornare; rende le proprie app compatibili solo con l'ultima versione (oltre a quelle nuove come "12"); obbliga di fatto all'acquisto di un nuovo dispositivo, più performance rendendo lento ed obsoleto quello in cui è stato installato il nuovo firmware.
Dunque se voglio rimanere col mio ios6 l'unica mia possibilità è aver fatto preventivamente il jailbreak che con appositi tweak che impediscono il download notturno di aggiornamenti.
Con questo non voglio dire che sono un conservatore retrogrado contrario al rinnovamento ed alle novità. Sono solo profondamente deluso da una politica arrogante che obbliga aggiornamenti di scadente qualità, che rendono di colpo obsoleto il mio dispositivo, che io ho pagato e del quale io ho tutto il diritto di decidere cosa farci. Se domani lo userò come ferma porta, sarà una mia scelta, non di Apple!

Vedi: 

giovedì 14 marzo 2013

iOS 6: bug e considerazioni

Probabilmente la storia della rana è vera. Se prendi una rana e la butti nell'acqua bollente, salta fuori subito! Ma se la metti nell'acqua fredda e la scaldi piano piano, la rana si troverà lessa senza accorgersene!

Dopo il salto da iOS 5.1.1 a iOS 6.1.2 mi sento proprio come la prima rana citata. Forse la maggior parte degli utenti, seguendo tutti i vari update, non si è accorda del lento degrado di alcune funzionalità dei loro dispositivi, trovandosi "lessi" senza averne coscienza.
Alcuni esempi di problemi riscontrati su iPhone 4 e iPad 2 dopo il "salto":

  • il WI-FI ora per collegarsi ci impiega almeno 30 secondi. Prima era pressoché istantaneo. Dopo che finalmente compare il segnale, ancora il dispositivo risponde con un allarmante messaggio: Nessuna connessione a internet!
  • il Bluetooth non funziona più bene come prima: ogni tanto rimane "linkato" all'auricolare Bluetooth ma non è possibile utilizzarlo. Si rende necessario spegnere e riaccendere il servizio per farlo funzionare. La mia autoradio Kenwood KDC-BT51U, che prima leggeva il livello di batteria dei dispositivi, ora disegna un'inquietante batteria perennemente scarica.
  • quando c'è un dispositivo Bluetooth connesso le suonerie risultano cupe e distorte, basta sconnettere il Bluetooth e tornano ad essere limpide e squillanti.
  • la luminosità, se impostata in automatico, non varia se si passa da una luogo tanto illuminato ad uno scuro (soprattutto su ipad).
Ho cercato in internet alcune testimonianze per verificare se si trattasse di un problema soggettivo od oggettivo, di Jailbreak o meno, ma senza soddisfacenti riscontri. Allora sono passato alla fase di test, provando con dispositivi di amici e parenti ma riscontrato i medesimi problemi.
E' stata sconcertante l'affermazione dopo l'evidenza dei fatti: "Ma è sempre stato così!"
No! No, caro utente iOS 6.1.2! Non è sempre stato sempre così! C'è stato un tempo in cui il WI-FI si collegava all'istante, il Bluetooth era affidabile, non storpiava le suonerie e che la luminosità cambiava a seconda della luce...

Ads